Alla Noè Lucidi i bambini spiegano il terremoto

TERAMO – Nell’ampia discussione di questi giorni sui rischi da sisma in Abruzzo e segnatamente negli edifici scolastici, si inserisce in maniera attuale e utilissima l’esperienza della scuola elementare Noè Lucidi di Teramo. Sulla home-page del sito della scuola, il cui preside è Gino Mecca, oggi fa bella mostra di sè un video educativo girato dagli stessi bambini di una classe terza, della durata di quasi 5 minuti, che spiega con il linguaggio degli alunni cos’è un terremoto e soprattutto come si deve affrontare un eventuale sisma tra i banchi di un’aula scolastica. Nulla di tecnico e di pretenzioso, ci sono sicuramente ben altri esempi di comunicazione della sicurezza e di prevenzione di un evento tellurico. Ci ha colpito però come una scuola elementare abbia intanto affrontato il problema, deciso di farne uno strumento didattico all’interno del modulo scolastico e di utilizzarlo oggi, in piena attualità e convivenza con il fenomeno geofisico, per aiutare i piccoli studenti anche a superare i timori e le ansie. Perchè sono stati proprio i più piccoli che frequentano la loro scuola a pubblicizzare questa iniziativa e a raccontarla ai lori genitori, dopo averla discussa a scuola con i loro insegnanti. Ci sentiamo di fare un plauso alla Noè Lucidi attraverso la presidenza e a questa iniziativa (che è posibile vedere all’indirizzo http://www.noelucidi.it) e cogliere l’occasione  per invitare tutte le scuole a contribuire a diffondere la cultura della prevenzione a dispetto di quella dell’emergenza, organizzando più di frequente esercitazioni antisisma e di evacuazione degli stabili, convinti che è a queste età che bisogna imparare ad essere pronti a prevenire.

Leave a Comment