Esami di maturità: nuove regole per i disabili

TERAMO – Cambia l’esame di maturità per gli studenti disabili. Le nuove norme prestano particolare attenzione agli studenti con disturbi specifici di apprendimento (Dsa) e alle modalità di svolgimento delle prove di esame. La normativa prevede il divieto di pubblicazione dei voti di ammissione, il diritto all’assistenza durante le sessioni di esame, la possibilità di sostenere prove equipollenti e di usufruire di tempi più lunghi. Non solo: gli alunni con disabilità avranno diritto all’utilizzo di mezzi tecnologici e i testi delle prove saranno trascritti in braille, ingranditi o riprodotti su supporto elettronico.
La nuova legge, inoltre, specifica la necessità di tener conto, da parte della Commissione d’esame, delle situazioni soggettive dei candidati con Dsa. Questo implica che la terza prova scritta verrà appositamente predisposta per tali studenti, compresi l’eventuale allungamento dei tempi e l’utilizzo di strumenti informatici, e che la valutazione delle prime due prove terrà conto della loro situazione. Il ministero, poi, ha stabilito che per tali alunni non è necessario applicare le norme sui debiti formativi.

Leave a Comment