Oltre 800 animali visitati all’Aquila nel presidio veterinario dell’Università di Teramo

TERAMO – E’ ancora attivo all’Aquila il presidio veterinario allestito dall’Università di Teramo. Il bilancio delle attività di assistenza sanitaria rivolto agli animali di affezione coinvolti nel sisma è stato tracciato nel corso di un convegno da titolo ”Uomini, cani ed emergenze”. Dal 14 aprile, informa una nota, il dipartimento e la Facoltà di Medicina Veterinaria, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, si sono attivati in una tenda appositamente allestita e attrezzata nell’area di accoglienza di Piazza d’Armi a L’Aquila, dove è stato istituito un Presidio Medico Avanzato che, accanto ai servizi medici e alla farmacia, ha fornito anche i servizi veterinari necessari in situazioni di emergenza. A oggi, informa una nota, sono stati visitati oltre 800 animali e per oltre 60 si è reso necessario il ricovero e la degenza presso le strutture del dipartimento di Scienze cliniche veterinarie”.“La facoltà – ha spiegato il preside Fulvio Marsilio – ha offerto subito piena disponibilità ai colleghi libero-professionisti e della Asl di L’Aquila. Già il 10 aprile ben 13 cani senza proprietario, sono stati prelevati dal territorio aquilano e trasferiti al canile della nostra azienda agricola di Chiareto. Quindi è stata rapidamente attrezzata una tenda col necessario per far fronte alle prime esigenze di pronto soccorso veterinario: tavoli e lampade da visita, ecografo, laboratorio analisi per esami ematobiochimici di routine, gabbie per degenza e pompe da infusione, oltre che tutto il materiale di consumo e i farmaci”. Il personale medico veterinario dell’ateneo teramano affiancato da liberi professionisti indicati dall’ordine dei medici veterinari di L’Aquila, opera sette giorni su sette, nel presidio di piazza d’Armi all’Aquila, dalle 8.30 alle 18. Nelle attività di assistenza sanitaria sono coinvolti anche gli studenti del Corso di laurea in Medicina Veterinaria e del Corso di laurea in Tutela e benessere animale.

Leave a Comment