L’ ARTe della cucina teramana si fa marchio di qualità

TERAMO – Promuovere l’arte dell’ospitalità e dell’enogastronomia teramana attarverso i ristoratori che ne sono interpreti, la creazione di un marchio di qualità che faccia di Teramo ambasciatrice del sistema Abruzzo, sono gli ambiziosi obiettivi di ART (associazione dei ristoratori teramani "Dentro le Mura"), che riunisce dietro questa progettualità 7 ristoratori storici della città. L’idea della riscoperta della tradizione a braccetto con la qualità delle materie prime attraverso il rispetto della stagionalità sono i comuni denominatori dell’associzione presieduta da Marcello Schillaci, titolare della Cantina di Porta Romana che costituisce il nucleo fondatore dell’iniziativa, insieme alla Locanda del Proconsole, l’Antico Cantinone, il Duomo, i Carati di Bacco, la Trattoria Tonino e l’Enoteca centrale. Il marchio "ART", come spiegato nel corso della conferenza stampa di presentazione, non è tuttavia un circuito chiuso ma possono aderire tutti quei ristoratori che aderiscono al progetto attraverso il rispetto di un disciplinare che differenzia e qualifica la produzione sulla base della territorialità degli alimenti e della tracciabilità delle materie prime. Tra i punti qualificanti del marchio figurano la creazione di punti di accellenza agroalimentare teramani, la corsia preferenziale attribuita alla filiera corta delle materie prime locali e la valorizzazione della cultura enogastronomica teramana che, come spiegato dalla ricercatrice storica, Daniela Di Ferdinando, è ripercorsa attraverso una ricerca che, in assenza di una documentazione specifica, poggia per lo più sulla memoria storica dei piatti attraverso un approccio che distingue 3 momenti creativi: la cucina della festa, la cucina domestica e la cucina delle cantine. Tra le iniziative in cantiere dall’associazione, è in itinere il progetto di realizzare a Teramo una sciola di antica cucina teramana, mentre già a partire dal prossimo 3 e 4 agosto ci sarà una rievocazione degli antichi mestieri dell’800 e del 900 a Porta Romana. Durante la manifestazione, i ristoratori aderenti, offriranno un percorso enogastronomico dedicato alle ricette tipiche teramane.

 

 

 

 

Leave a Comment