Assedio alla Rocca e all’Annunziata

GIULIANOVA – Sono 14 gli arresti eseguiti nel corso della notte e della prima mattinata di oggi da parte dei carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Giulianova e della locale stazione nell’ambito dell’operazione "Scacco alla Rocca", nei confronti dei componenti di alcune famiglie Rom dei quartieri Annunziata e Rocca a Giulianova. In manette sono finiti Maurizio, 46 anni, Marco (24), Ottavio (23), Daniel (19), Adelina (39), Loreta (26), Ersilia (31), Achille (53), Giuseppina (25), Giuseppina (35) e Monica Di Rocco (33), Giulietta Spinelli (42), Mirella Di Giorgio (33), tutti zingari e Marco Lo Schiavo (35). Per loro l’accusa è di concorso in detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Con il blitz della scorsa notte, condotto da un centinaio di carabinieri con l’ausilio di nuclei cinofili e un elicottero dell’elinucleo di Falconara Marittina, la procura teramana ritiene di aver smantellato l’organizzazione rom più ramificata dell’intera provincia, che aveva di fatto trasformato i due quartieri in zone inaccessibili e roccaforte delle famiglie, in grado di gestire un traffico di stupefacenti che facevano ricorso ai minorenni come "vedette" e anche "cavalli" per la distribuzione delle dosi. L’inchiesta, condotta dal nucleo operativo diretto dal luogotenente Antonio Longo e coordinata dal sostituto procuratore Laura Colica, era scattata nell’ottobre dello scorso anno e aveva portato al sequestro di diversi quantitativi di stupefacente e singoli arresti, con la segnalazione al prefetto di numerosi tossicodipendenti del posto. Nell’operazione della scorsa notte i carabinieri hanno sequestrato, nel corso della perquisizione dell’abitazione di Achille Di Rocco, 15 grammi di cocaina e 75 di eroina, oltre a denaro contante e materiali per il taglio della droga. Tutti gli arrestati sono stati rinchiusi nel carcere di Castrogno, fatta eccezione per Monica Di Rocco, alla quale sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Leave a Comment