Controlli stabilimenti balneari: lavoratori in nero, incassi non dichiarati

TERAMO – (Agi) – Fingendosi clienti degli stabilimenti balneari di Giulianova gli ispettori dell’Agenzia delle Entrate hanno fatto visita alle attivita’ della costa che si occupano anche di ristorazione e intrattenimento. L’obiettivo degli ispettori era, ovviamente, quello di promuovere un’azione di contrasto all’evasione fiscale e a quanto pare il blitz serale ha avuto i suoi effetti, come annuncia proprio l’Agenzia delle Entrate. Dai controlli sono emerse numerose irregolarita’ contabili e sono stati rilevati elementi utili per l’accertamento di violazioni sostanziali degli obblighi tributari. In particolare, e’ stata rilevata la presenza di una decina di lavoratori "in nero" e sono state riscontrate diverse anomalie nella registrazione dei corrispettivi, nel senso che sarebbe stata registrata appena la meta’ degli incassi effettivi. Alcuni stabilimenti, poi, sono risultati non in regola con l’adeguamento agli Studi di Settore in quanto utilizzavano un codice attivita’ diverso dall’attivita’ effettivamente svolta. Per proseguire gli accertamenti il personale ha acquisito della documentazione nelle strutture balneari, come le piantine della spiaggia usate per l’assegnazione degli ombrelloni e la registrazione degli acconti versati, nonche’ la pianificazione degli acquisti in nero. Questo materiale sara’ utilizzato per ricostruire i ricavi effettivi delle strutture e accertare violazioni agli obblighi tributari.

Leave a Comment