Artigianato, commercio e piccole imprese in crisi ma la Regione è al lavoro

TERAMO – (Regflash) – In questi mesi è stato intenso e proficuo il lavoro dell’assessorato allo Sviluppo economico a sostegno dell’artigianato, del commercio e delle piccole e medie imprese, per arginare gli effetti della forte crisi che investe i diversi settori dell’economia. Lo ha ricordato stamane il vice presidente della Regione e assessore allo Sviluppo economico, Alfredo Castiglione, in risposta alle dichiarazioni del direttore della Cna, Graziano Di Costanzo. "Faccio mie le preoccupazioni della Cna e degli artigiani – ha precisato Castiglione – sono consapevole infatti che il problema del settore è dovuto ad una forte crisi economica e finanziaria che ha colpito l’intero mondo occidentale, senza però dimenticare che in Abruzzo alla crisi si è aggiunto il grave sisma del 6 aprile". L’assessore ha ricordato quindi che "a fronte di questa situazione di crisi sono stati già attivati tavoli di confronto e di concertazione presso la Regione che hanno portato alle seguenti elaborazioni riguardanti la legge del commercio, propedeutica alla riforma generale del settore, la legge quadro 60 dell’artigianato che sburocratizza l’intero settore, dando più potere alle categorie, la convenzione con Artigiancassa, gli accordi con diversi istituti bancari, l’avvio del riordino dei Confidi e del sistema creditizio, l’avvio del riordino della Fira". Castiglione ha quindi precisato di aver avviato "una strettissima collaborazione con tutte le associazioni di categoria, intorno ad un tavolo comune, istituito presso l’Assessorato, perchè ci si è resi conto che il settore dell’artigianato risultava privo di leggi di riordino che potessero dare opportunità di respiro creditizio e finanziario, creando rapporti nuovi e consolidati con il mondo bancario". Inoltre l’assessore ha ricordato che "con tutte le associazioni di categoria, degli artigiani, dei commercianti e delle piccole e medie imprese, sono stati avviati tavoli di concertazione che hanno prodotto una prima microriforma nel settore del commercio ed una legge quadro sull’artigianato, che porta la firma di tutte le associazioni, compresa la Cna". Castiglione quindi ha spiegato che "i protocolli ed accordi firmati con Artigiancassa e diversi istituti di credito porteranno boccate di ossigeno a beneficio delle piccole e medie imprese, arrivando a dotare la Regione di una Finanziaria che svolga la vera funzione che le compete, di contro e co-garanzia". Infine l’assessore ha sottolineato come scopo fondamentale della Giunta sia quello di "far rinascere tra artigiani, commercianti, piccoli e medi imprenditori, un senso di fiducia ed ottimismo verso tutte le istituzioni, a cominciare dal Governo centrale e per questo scopo occorre lavorare in forte sinergia".

Leave a Comment