Ercole Core si propone per la segreteria provinciale del PD

TERAMO – Il medico teramano Ercole Core propone la sua candidatura per l’incarico di segretario provinciale del Partito Democratico. In una nota diffusa per sintetizzare quelli che ritiene i temi fondamentali con il quale il partito dovrebbe misurarsi, Core si rivolge al segretario cittadino del PD e al presidente della Commissione di Garanzia sostenendo la necessità di aprire il partito alla società civile e avviare un percorso programmatico che non vuole resti “confinato all’interno degli organismi di partito”. Il lavoro, ma anche una risposta concreta alla precarietà e alla disoccupazione, è uno dei temi sul quale pone l’accento Core nel proporre la sua candidatura, che si concentra anche sul tema della sanità e del sociale per il quale propone di riorganizzazione la rete ospedaliera attraverso il potenziamento dei servizi sul territorio,”unica strada – sostiene core – per decongestionare gli ospedali e ridurre i ricoveri, miglioramento così l’efficienza”. “Basta con il balletto ridicolo e nocivo degli elenchi degli ospedali da chiudere o di nuovi ospedali megagalattici – dichiara inoltre Core nella nota – il PD è per la tutela della salute del cittadino come diritto fondamentale sancito dalla Costituzione e perciò inviolabile, e sempre opererà affinché la tutela della salute e delle persone più deboli sia garantita”. Oltre a superare quella che ritiene una “inadeguatezza del sistema scolastico in relazione al mondo produttivo”, il candidato alla segreteria provinciale del Pd si sofferma anche sui servizi quali acqua e rifiuti per i quali sostiene “si avverte la necessità di meno politica nella gestione e più politica nella programmazione”. Core sottolinea inoltre la necessità di un dibattito su temi fondamentali che riguardano i diritti della persona come immigrazione e testamento biologico, un confronto però che dovrebbe partire dalla base del partito per non rimanere relegato ai vertici. “Tanti e importanti sono i temi da affrontare che ci devono vedere protagonisti sulla scena del dibattito – dichiara infine Core – il Partito Democratico dovrà essere partito aperto con l’orecchio a terra pronto a cogliere qualsiasi rumore da essa proveniente, organizzato e rivitalizzato da idee innovative, da contributi di rappresentanti della società civile. Pertanto invito fin da ora il PD Provinciale ad avviare il confronto con le associazioni di categoria, i sindacati, ilmondo del volontariato, le cooperative profit e non profit, le fondazioni e gli istituti di credito del territorio, per definire linee programmatiche in sintonia con i principi irrinunciabili a cui da sempre fa riferimento il Partito Democratico”.

Leave a Comment