Stazione di Giulianova: ripristinato il servizio di biglietteria di domenica

TERAMO – La biglietteria della stazione ferroviaria di Giulianova tornerà ad essere operativa la domenica, anche se il ripristino del servizio, per il sindaco Francesco Mastromauro,  non lascia intravedere spiragli serene per il futuro della stazione. Direttive aziendali, informa una nota, prevedono nel medio e lungo periodo, per motivi di convenienza, la progressiva chiusura degli sportelli anche nelle stazioni di una certa importanza, come quella, appunto, di Giulianova, dove a breve andrà in pensione uno dei quattro addetti. Tuttavia nel corso di in incontro avvenuto ad Ancona con le Ferrovie dello Stato, positivi risultati per la biglietteria sono stati ottenuti dalla delegazione giuliese composta da Laura Ciafardoni e Flaviano Montebello, rispettivamente consigliere comunale e provinciale, e da Sergio Colantoni, direttore della “Sistema”, la società che ha assunto la gestione della biglietteria esterna alla stazione. L’ingegnere Di Giacobbe di Trenitalia ha infatti assicurato che la biglietteria all’interno della stazione, diversamente da quanto accaduto ad agosto, rimarrà aperta la domenica mattina, mentre ad assicurare il servizio nel pomeriggio sarà la biglietteria della “Sistema”.“Dopo le nostre proteste, e quelle della Provincia – ha dichiarato il sindaco Francesco Mastromauro – siamo riusciti ad ottenere una momentanea vittoria, ma i segnali relativi al futuro del nostro scalo ferroviario sono preoccupanti”. “Non sappiamo ancora se sarà soppresso, come si vocifera, l’ufficio movimento, né se rimarrà in funzione il posto di Polizia Ferroviaria –dichiara ancora il primo cittadino –  se si dovesse arrivare alla chiusura dei due uffici insieme con la biglietteria il principale scalo della provincia, a servizio anche di Teramo, sarà solo un fantasma, un luogo abbandonato di cui l’unico presidio di vita sarebbe costituito solo dal bar”.
Il sindaco intanto ha annunciato che non rimarrà a guardare, promettendo iniziative clamorose.“Per evitare l’assassinio della nostra stazione – ha concluso Mastromauro – sono disposto a fare volantinaggio sia sul piazzale che all’interno dello scalo. E questo sarà solo l’inizio. Non è possibile che Giulianova continui ad essere mortificata perdendo servizi importanti anche per i comuni limitrofi che gravitano sulla nostra città”.

Leave a Comment