Ferzetti: "Paragonare le amministrazioni passate e presenti è un errore politico"

TERAMO  – “Impossibile il paragone tra amministrazioni di centrodestra e centrosinistra. Non cogliere la velocità con cui si muove la politica e i cambiamenti sociali e culturali avvenuti in 6 anni è politicamente errato”. E’ la critica mossa da Mario Ferzetti, coordinatore di Comunisti  Sinistra popolare , in direzione dell’assessore all’Urbanistica, Corrado Robimarga per via delle dichiarazioni rese sul complesso socio-sanitario di Villa Mosca, zona per la quale, secondo Robimarga, il Piano regolatore di Sperandio prevedeva più cemento e meno verde pubblico.“In un momento difficile – si legge in una nota – in cui i cittadini, incolpevoli, contribuiscono quotidianamente, al risanamento della sanità pubblica o ricorrono al privato per le inefficienze del pubblico, qui a Teramo, si opta per aprire al privato convenzionato, una scelta errata perchè va contro il principio che la sanità deve essere di tutti”
Per Ferzetti, la concessione di volumetrie consistenti (22mila metri cubi) alla società Casalena srl, dopo il parcheggio interrato di Piazza Dante, il progetto del nuovo teatro e la Stu, “rientra tra quelle operazioni che rischiano di trasformare la città in un cementificio a vantaggio di alcuni per i quali Teramo diventerà la nuova città dell’oro”.

Leave a Comment