Alla piscina mancano i lavori di competenza delle società

TERAMO – La piscina comunale coperta è a posto per quanto riguarda la parte di competenza del Comune, soprattutto dopo i lavori che hanno riguardato le tubazioni e la centrale termica, per cui sono stati spesi 20.000 euro. Non riapre perchèle tre società natatorie a cui è stato confermato l’affidamento per la gestione, ancora non producono la documentazione richiesta per completare l’iter burocratico. E’ quanto replica il Comune all’indomani delle critiche mosse per l’inaccessibilità dell’impianto. In particolare, l’amministrazione comunale respinge le critiche per "una caldaia che ha problemi" e per “l’acqua fredda che esce negli spogliatoi", proprio perchè non corrispondono al vero: le società che gestiscono l’impianto, tra l’altro, hanno dichiarato lo scorso 2 ottobre "la loro disponibilità alla sostituzione di una centralina di clorazione – come si legge nella nota del Comune -, alla riparazione di una elettropompa della vasca tuffi e nuoto, delle elettrovalvole per lo smistamento dell’acqua calda sanitaria, nel ripristino e funzionamento dei lampitori, nella sostituzione del filtro vasca per tuffi, per una spesa di 9.000 euro". Dunque soltanto al momento della verifica della perfetta esecuzione di questi lavori sarà possibile riaprire la piscina al pubblico.

Leave a Comment