Val Vibrata: il Pd si mobilita contro il Piano industriale della Asl di Teramo

TERAMO – Il Partito Democratico della Val Vibrata si prepara a dare battaglia al Piano industriale della Asl di Teramo per via dell’affidamento dell’ospedale civile “Val Vibrata” ad una gestione mista pubblico-privata, una decisione che per i circoli del Pd non comporterebbe nessuna diminuzione di costi e che in una strutture d confine con le Marche andrebbe a inasprire la mobilità passiva a discapito dell’ospedale. I circoli hanno deciso dunque di contrastare il provvedimento inviando i rappresentanti del partito nei comuni per sottoporre il problema nell’ambito dei Consigli comunali. Allo stesso tempo gli esponenti del Pd cercheranno di impegnare i sindaci a fare pressione con il governatore, Gianni Chiodi, e l’assessore regionale alla Sanità, Lanfranco Venturoni, affinché venga sospesa l’efficacia del Piano Industriale della Asl di Teramo per quanto riguarda la prevista gestione mista pubblico-privata l’ospedale di Sant’Omero e di porre in essere tutti gli atti necessari affinché il presidio vibratiano venga potenziato e rilanciato. “Intendiamo  avviare una forte battaglia democratica in contrasto a queste politiche che riteniamo poco chiare e non sufficientemente argomentate per il nostro territorio e per la nostra provincia – si legge nella nota dei coordinatori comunali del Pd della Val Vibrata – chiediamo che si faccia chiarezza su questa scelta  con proposte puntuali. “In un momento di forte difficoltà come questo  – allude il comunicato alla situazione di fragilità del partito –  la riunione dei coordinatori del PD della Val Vibrata è stata molto importante per tornare a lavorare insieme per il bene comune di tutto il territorio, prevedendo da subito una commissione di lavoro per dare un fattivo contributo sul fondamentale tema della Sanità a livello Provinciale scongiurando inutili e dannosi campanilismi”.

Leave a Comment