Pineto: sdegno del sindaco per la mancata istituzione dell’area proteta del Cerrano

TERAMO- Una nota di sdegno ha diffuso il sindaco di Pineto, Luciano Monticelli, per il ritardo nella firma definitiva da parte dei ministri competenti sul provvedimento istitutivo dell’area marina protetta del Cerrano. “Abbiamo la sensazione di essere presi in giro – si legga nel comunicato del primo cittadini – esiste il consorzio di gestione di fatto già operativo ma non possiamo ancora nominare il consiglio di amministrazione e un direttore del parco”. Il mancato varo del provvedimento istitutivo dell’Area Marina , ha annunciato Monticelli, lo indurrà a recarsi presto viaggio a Roma per incontrare il ministro all’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, per capire a che punto si trovi l’iter burocratico che riguarda appunto l’area del Cerrano. “Ci era stato assicurato che il ministro avesse firmato i documenti – ha aggiunto il primo cittadino di Pineto – ma noi ufficialmente non abbiamo ancora ricevuto il carteggio. Avevamo avuto assicurazioni che gli atti in questione dovevano semplicemente essere ratificati dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Un atto dovuto che avrebbe poi permesso al consorzio di procedere speditamente. In questo caso gli enti aderenti avrebbero potuto eleggere il consiglio di amministrazione e successivamente avremmo anche scelto il direttore del parco”. La situazione è dunque ancora sospesa , mentre le attività di tutela dell’Area Marina del Cerrano vanno avanti. Va ricordato inoltre che nel recente passato l’amministrazione comunale di Pineto, con la collaborazione delle associazioni ambientaliste, ha organizzato iniziative per la valorizzazione del parco stesso, per la tutela della flora e la fauna che si trovano all’interno del perimetro dell’area protetta.

Leave a Comment