In casa una serra per coltivare marijuana

MOSCIANO – Aveva studiato e messo in pratica tutte le nozioni su come coltivare e clonare piante di marijuana, raccogliendone il prodotto per poi venderlo."image" Quando i carabinieri della stazione di Mosciano Sant’Angelo hanno fatto irruzione nell’abitazione di Alessandro Cosenza, hanno fatto una scoperta strabiliante: nel garage, difeso da un grosso pastore tedesco, c’era un vero e proprio laboratorio artigianale (nella foto), con due cabine attrezzatissime con ventilatori, bombole per la produzione di anidride carbonica, lampade alogene, temporizzatori e diffusori di C02. Nella prima, quella vegetativa, venivano conservate e coltivate le piante di marijuana madri, dell’altezza di circa mezzo metro, tutte contraddistinte dai nomi in base alla qualità; nella seconda, quella di fioritura, veniva curata la crescita fino a un’altezza tra i 40 e i 70 centimetri. Nel percorso di coltivazione, l’operaio faceva ricorso a fertilizzanti, ai prodotti del tipo “clonex" e a tutti quegli accorgimento da perfetto coltivatore che garantissero la perfetta crescita della marijuana, per la raccolta delle cime che metteva ad essiccare. In totale i militari hanno sequestrato 66 piante di marijuana, un chilo di fertilizzante, 240 grammi di cime e un sacco contenente quasi 4 chili di foglie secche di marijuana. Cosenza è stato arrestato con l’accusa di coltivazione, produzione e detenzione al fine di spaccio di stupefacenti e rinchiuso nel carcere di Castrogno in attesa del confronto di garanzia.

Leave a Comment