Influenza A: la Asl di Teramo dà il via alla campagna di vaccinazione

TERAMO – Da domani la ASL di Teramo dà il via alla campagna di vaccinazione contro la nuova influenza da virus A/H1N1. Le vaccinazioni, informa una nota, si effettueranno presso la sede del Servizio di Igiene, epidemiologia e sanità pubblica di Teramo in contrada Casalena e presso tutte le altre sedi vaccinali aziendali quali i distretti sanitari di base e le sedi periferiche del Siesp). Nel territorio del Distretto di base di Roseto, il calendario vaccinale è stato concordato nel corso di una riunione tra la responsabile del servizio, Luana Portanti e il sindaco Di Bonaventura. Gli operatori sanitari saranno vaccinati il 9 e 10 novembre all’ospedale di Giulianova, mentre dall’11 al 14 novembre, al distretto sanitario di Roseto, sarà la volta delle mamme in attesa e dei bambini e adulti di età compresa tra i 6 mesi e i 65 anni con patologie croniche (ad esempio malattie croniche dell’apparato respiratorio, di quello cardiocicrolatorio, gravi epatopatie, malattie renali, neoplasie). il terzo intervento sarà diretto agli operatori delle forze dell’ordine (presso il distretto di Roseto, dal 25 al 28 novembre). Stessa data e stesso luogo per le vaccinazioni al personale della Protezione civile, agli addetti ai rifiuti, agli acquedotti, ai trasporti pubblici. L’ultimo turno di vaccinazione, dal 2 al 5 dicembre al distretto rosetano, riguarderà gli insegnanti, i lavoratori postali e agli addetti ai servizi essenziali.

Ecco le persone individuate dall’ordinanza del Ministero della Salute del 20 ottobre 2009 che possono sottoporsi alla vaccinazione:

– le donne al 2° e 3° trimestre di gravidanza
– le persone di età compresa tra 6 mesi e 17 anni con le seguenti patologie concomitanti:

malattie  croniche  a  carico  dell’apparato respiratorio, inclusa asma, displasia broncopolmonare, fibrosi cistica e BPCO;
gravi   malattie  dell’apparato  cardiocircolatorio,  comprese  le cardiopatie congenite ed acquisite;
diabete mellito e altre malattie metaboliche;
gravi epatopatie e cirrosi epatica;
malattie renali con insufficienza renale;
malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie;
neoplasie;
malattie  congenite ed acquisite che comportino carente produzione di anticorpi;
immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV;
malattie  infiammatorie  croniche  e  sindromi  da malassorbimento intestinale;
patologie  associate  ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie, ad esempio malattie neuromuscolari;
obesita’ con Indice di massa corporea (BMI) > 30 e gravi patologie concomitanti;
condizione  di familiare o di contatto stretto di soggetti ad alto rischio  che,  per  controindicazioni  temporanee  o  permanenti, non possono essere vaccinati.
– gli adulti di età inferiore ai 65 anni con le stesse patologie concomitanti di cui sopra.
– i bambini tra 6 e 24 mesi, nati pre-termine

Leave a Comment