Il terzo Rom non si trova

ALBA ADRIATICA – Hanno trascorso la prima notte in carcere Danilo Levakovic e Sante Spinelli, i due rom di Alba Adriatica arrestati con l’accusa dell’omicidio del commerciante 37enne Emanuele Fadani, ucciso nel corso di una rissa nella cittadina teramana. Sono in isolamento, in attesa del confronto con il gip del tribunale di Teramo, Marina Tommolini, che ha firmato le ordinanze di custodia cautelare in carcere chieste dal pubblico ministero Roberta D’Avolio: nel corso dell’interrogatorio sostenuto dinanzi al pm, i due hanno negato responsabilità e addirittura anche il contatto fisico con la vittima, riferendo che a colpire il commerciante sia stato Elvis Levakovic, il terzo giovane accusato e tuttora latitante. Alcuni dettagli del delitto e della pesante situazione creatasi ad Alba Adriatica, con la rivolta dei cittadini che ha portato al danneggiamento di autovetture e abitazioni dei Rom nel quartiere nei pressi della stazione ferroviaria saranno forniti nel corso di una conferenza stampa fissata nella mattinata nella caserma "Isaia Ceci", sede del comando compagnia dei carabinieri di Alba Adriatica.

Leave a Comment