A metà dicembre prende il via la raccolta differenziata "porta a porta"

TERAMO – Il 15 dicembre prende il via in alcuni quartieri a Teramo la raccolta differenziata porta a porta che interesserà circa 11 mila persone residenti nei quartieri di S. Nicolò a Tordino, Piano d’Accio, Colleatterrato alto e basso e Contrada San Benedetto. Il nuovo servizio di raccolta è un progetto pilota che nella fase iniziale interesserà solo le aree urbane indicate ma che in una fase successiva, si auspica entro il 30 giugno 2010, sarà esteso a tutto il territorio comunale. E’ quanto emerso nel corso di una conferenza stampa convocata al Parco della Scienza per la presentazione del "Company profile" una pubblicazione, una sorta di biglietto da visita, che la Team ha allestito per illustrare l’azienda, i servizi erogati e gli obiettivi futuri, alla luce della nuova compagine aziendale che ha preso forma con la presidenza di Raimondo Micheli e dell’incarico di amministratore delegato affidato a Giovanni Fagiani. Il porta a porta, tema di più imminente interesse per i cittadini coinvolti, avverrà con nuovi mezzi per la raccolta di minor impatto ambientale e che consentiranno alla Team di eliminare i cassonetti recuperando in estetica e parcheggi, come sottolineato dal sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi. il sistema si avvale di una sinergia avviata con la Telecom dal momento che sui mastelli che saranno consegnati alle famiglie per la raccolta differenziata, ci saranno dei microchip collocati per permettere un monitoraggio costante sull’attuazione della raccolta. Si tratterà di un servizio sicuramente più costoso per la Team, come ha spiegato l’amministratore delegato Giovanni Fagiani, ma non inciderà sulle tariffe pagate dai cittadini perchè differenziando i rifiuti costerà meno conferirli in discarica. "Finora abbiamo guardato al percorso del ‘porta a porta’ con invidia – ha dichiarato il presidente Micheli – ma Teramo non è seconda a nessuno. I tempi sono maturi per attivare il servizio in città, ma i cittadini dovranno essere i primi a collaborare".

Leave a Comment