La polizia sequestra tre chili di droga

ALBA ADRIATICA – TERAMO – Oltre due chili e mezzo di eroina e 2 etti di cocaina, per un valore di circa 300mila euro, oltre a bilancini di precisione e l’arresto di un operaio incensurato albanese: è il bilancio dell’operazione condotta dagli agenti della squadra mobile della questura di Teramo la scorsa notte ad Alba Adriatica, al termine di una settimana di appostamenti e pedinamenti. L’obiettivo degli investigatori era E.M., 27 anni, albanese con permesso di soggiorno per lavoro subordinato rilasciato dal questore di Taranto, residente a Massafra (Taranto) ma stabilitosi da alcuni mesi ad Alba Adriatica, dove aveva preso un appartamento in affitto. Gli agenti dell’antidroga sono risaliti al suo appartamento attraverso l’agenzia immobiliare che aveva trattato la locazione, dopo aver fermato il giovane la scorsa notte a bordo di un’auto di grossa cilindrata sulla quale viaggiava in compagnia di un connazionale, risultato poi estraneo alla vicenda ma espulso perchè irregolare sul territorio italiano. Nell’abitazione dell’uomo, nei pressi del lungomare di Alba Adriatica, nascosti nell’intercapedine di un mobile della cucina, c’erano cinque panetti da mezzo chilo di eroina e l’involucro di cocaina e quasi 2mila euro in contanti. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante dell’ingente quantitativo e rinchiuso nel carcere di Castrogno a disposizione del magistrato. Le indagini sono tuttora in corso per individuare la provenienza dello stupefacente e soprattutto i canali attraverso i quali sarebbe stato distribuito sul territorio.

Leave a Comment