Assistenza scolastica: "Non va affidata a cooperative che non pagano il personale"

TERAMO – E’ ancora in corso il Consiglio comunale di Teramo convocato sulle question time. Tra i punti sottoposti dall’opposizione all’attenzione della maggioranza figura una interrogazione del consigliere comunale del Pd, Manola Di pasquale che, dopo essere tornata sulla questione relativa la Team Tech (vedi articolo di ieri), ha sollevato un problema nell’affidamento del servizio di assistenza educativa nelle scuole ai ragazzi portatori di handicap. In particolare, per la Di Pasquale, una delle tre società cooperative affidatarie del servizio da parte del Comune non pagherebbe i compensi ai dipendenti che si occupano dell’assistenza ai ragazzi. La richiesta formulata, pur riconoscendo nell’assistenza scolastica un fiore al’occhiello del Comune, è stata quella di una maggiore attenzione nell’affidamentodei servizi a società che hanno contenziosi con i lavoratori. L’attenzione dell’assemblea consiliare si è soffermata anche sull’informatizzazione del Comune. In particolare l’assessore comunale all’Innovazione e alle Politiche europee, Giovanni Luzii, ha annunciato che gli assessori e i dirigenti del Comune di Teramo, saranno i primi in Abruzzo a dotarsi del sistema di posta certificata, uno strumento che permette di dare, ad un messaggio di posta eletronica lo stesso valore di una raccomandata con avviso di ritorno tradizionale. "L’attivazione di questo servizio – ha spiegato Luzii – è uno dei passi compiuti dall’ente verso la dematerializzazione degli atti amministrativi,ovvero la riduzione dei flussi cartacei a favore di processi documentali totalmente informatizzati.

Leave a Comment