Ruffini: "Inaccettabili gli aumenti di Trenitalia dopo i tagli alle corse verso Giulianova

TERAMO – Sul taglio delle corse operate da Trenitalia verso la località di Giulianova e sull’aumento dei prezzi operato sulla linea Milano-Giulianova, è intervenuto il consigliere regionale del PD, Claudio Ruffini, in una nota, che segue una protesta avviata già dai pendolari. Il taglio delle corse si è reso, per Ruffini, ancora più esasperante per gli utenti sotto le festività natalizie, quando migliaia di pendolari, lavoratori e studenti (ma anche turisti) transitano verso Giulianova.“Vista la grave situazione di disagio ho chiesto in Consiglio Regionale all’assessore regionale ai Trasporti, Giandonato Morra, di prendere le necessarie iniziative per tornare ad una situazione di normalità. Giulianova è un importante snodo della rete ferroviaria che corre lungo l’asse adriatica e non può essere declassate ad una stazione di serie di B. La soppressione delle fermate dei treni – ha detto ancora Ruffini, che è stato sindaco di Giulianova nella passata amministrazione – è un grave danno che ha inevitabilmente ripercussioni per chi lavora, studia e per il turismo giuliese e della provincia di Teramo. Non si possono penalizzare importanti centri come Giulianova e San Benedetto  in un momento di forte crisi economica in cui la competitività passa soprattutto attraverso le infrastrutture e i collegamenti ferroviari”.Ruffini ha assicurato che vigilerà sulla vicenda affinché dal Governo regionale vengano messe in campo tutte le azioni per impegnare Trenitalia a ripristinare corse e servizi agli utenti. Sul problema, l’assessore Morra, ha garantito a Ruffini l’interessamento necessario per risolvere il problema.

Leave a Comment