Roseto, disinnescato l’ordigno bellico rinvenuto in riva al mare

TERAMO – E’ stato disinnescato l’ordigno bellico rinvenuto in riva al mare tra Cologna Spiaggia e la località di Borsacchio alla fine dello scorso mese di dicembre.Una nuvola di sabbia ed un boato hanno fatto da cornice all’operazione con cui questa mattina i genieri del 6° Reggimento Pionieri di Roma, comandati dal Colonnello Eugenio Martis, hanno fatto brillare l’ordigno bellico. Le operazioni sono partire alle 7.30, la zona è stata circoscritta per un ampio perimetro, e dalle 9,45 alle 10,20 è stato interrotto sia il traffico ferroviario che quello sulla statale Adriatica.“La bomba d’aereo, modello MK-IV (General Porpouse) del peso di circa 125 kilogrammi è un residuato bellico di nazionalità inglese – ha spiegato il Tenente Diego La Cognata – provvisto di spoletta di coda armata con funzionamento chimico a lungo ritardo e di una spoletta di naso tranciata”. Nell’operazione, oltre ai sette artificieri, sono state coinvolte tutte le forze dell’Ordine, con soddisfazione del sindaco di Roseto, Franco Di Bonaventura, per il grado di collaborazione tra le istituzioni coinvolte.

Leave a Comment