Ztl in centro, le novità in vigore da marzo

TERAMO – Dopo l’esperimento che il sindaco, Maurizio Brucchi, ha ritenuto “fallito” dei varchi aperti in centro storico, la battaglia alla sosta selvaggia si fa più serrata. Parte infatti dal 1° marzo la “zonizzazione” della città, uno strumento che sostanzialmente non inciderà sulla perimetrazione della Ztl, che rimane la stessa con la stessa collocazione dei varchi, ma limiterà l’accesso in base alla residenza, alle categorie lavorative e alle fasce orarie. In pratica i residenti del centro storico avranno in dotazione solo il badge elettronico che consentirà esclusivamente l’apertura del varco d’accesso alla via di residenza e non, quindi di tutti i varchi che rimarranno chiusi dalle 8 alle 21. Oltre ai residenti, il pass sarà consegnato anche ai commercianti, agli studi professionali e alle attività lavorative che insistono nell’area del centro storico, così come a chi svolge attività di carico e scarico. L’uso del badge è però disciplinato da alcune distinzioni: innanzitutto per il carico e scarico il badge avrà validità solo dalle 6,30 fino alle 10,30 e poi, nella fascia pomeridiana, dalle 14 alle 15,30 e sarà a pagamento per le autovetture di chi sosta per motivi lavorativi(costerà circa 20-25 euro), per i residenti invece il primo badge è gratuito, gli altri restano a pagamento. Provvedimenti restrittivi dunque, ma che il sindaco chiarisce sono diretti a rendere più vivibile il centro storico e a questo proposito ha anche reso noto che saranno presto chiuse anche le vie di intersezione che da via Delfico e via Capuani (che sarà pedonalizzata presto) consentono di raggiungere corso S.Giorgio, unica eccezione sarà concessa a via Duca D’Aosta per agevolare l’uscita delle autovetture verso Circonvallazione Ragusa che tornerà presto al doppio senso di circolazione.
Tra le novità ancora in fase di studio da parte dell’amministrazione c’è anche l’introduzione di nuove strisce blu e bianche. Il concetto che ispira il sindaco in  è quella del pagamento della sosta proporzionato alla distanza dal centro storico. Insomma gli stalli per il parcheggio saranno più cari in prossimità del centro e viceversa. In compenso però ci saranno nuovi parcheggi a piazza San Francesco, nella zona che va dall’edicola all’autostazione e che saranno regolati da un parchimetro (da stabilire la durata 1h o 1he 1/2). Per i mezzi comunali, per i mezzi Te.am, e per quelli della Prefettura ci saranno degli stalli riservati, così come anche per gli invalidi. Ma il sindaco avverte: “Non faremo sconti nelle sanzioni verso le autovetture che sostano in Ztl diverse da quelle di appartenenza, così come per i mezzi comunali che non sono parcheggiati negli stalli previsti. Controlli che non risparmieranno le auto contrassegnate dal simbolo dell’invalidità, per evitare il perpetrarsi di abusi che i vigili hanno avuto modo di riscontrare”. Intanto dall’11 gennaio la situazione in centro sarà ripristinata alla normalità per consentire il tempo necessario di informare le famiglie sulle "nuove istruzioni" per il parcheggio in centro in vigore dal marzo. Infine il sindaco ha sgombrato il campo dalle indiscrezioni che sono circolate negli ultimi giorni nei rapporti con la Tercoop. “Con la Tercoop è stato avviato un discorso fattivo di collaborazione  – ha dichiarato il sindaco – che prevede il riassorbimento totale dei lavoratori attraverso la Te.Am se la cooperativa opterà per la chiusura del rapporto prima dei termini previsti dalla convenzione”. Su questo aspetto la Te.Am sarebbe già al lavoro per redigere una proposta che valuti tutti i margini lavorativi ed economici.

Leave a Comment