Per i corsi sfila la protesta antifascista

TERAMO – Circa duecento tra giovani simpatizzanti ed esponenti delle forze politiche del centrosinistra, hanno partecipato questo pomeriggio alle 18, a Teramo, al corteo "Contro ogni violenza", organizzato per protestare contro l’aggressione a colpi di coltello contro tre ventenni teramani all’uscita di una discoteca del capoluogo alla vigilia di Natale. Con striscioni inneggianti all’antifascismo, cori ultrà, canzoni partigiane, fumogeni colorati e un mezzo di appoggio con l’apparecchiatura sonora di amplificazione, la colonna di partecipanti si è trasferita attraverso i due corsi centrali dal piazzale di Madonna delle Grazie fino alla prefettura. Il corteo si è snodato per oltre un’ora e mezza per il centro storico, con una sosta e un simbolico minuto di raccoglimento sotto la lapide che ricorda i nomi dei caduti della guerra di resistenza nel Teramano. Nel corteo hanno sfilato anche i rappresentanti locali di Rifondazione Comunista, dei Comunisti italiani e una delegazione del Partito democratico con i due consiglieri comunali Melarangelo e D’Alberto, dell’Associazione politico-culturale del Pd "Area 155". Tra i partecipanti c’era anche chi portava uno striscione inneggiante alla richiesta di libertà per Alessandro Della Malva, dirigente del Partito dei Comitati d’Appoggio alla Resistenza per il Comunismo (P-Carc), detenuto dall’11 ottobre scorso a Pistoia.

Leave a Comment