Gli ultrà invadono il Consiglio

TERAMO – "Affaristi", "arroganti", "palazzinari senza scrupoli", sono alcune delle parole usate dai giovani ultrà del Teramo calcio che hanno interrotto i lavori del Consiglio comunale per ribadire il loro "no" all’abbattimento del vecchio stadio Comunale per far posto al nuovo teatro. L’interruzione è stata necessaria, poco dopo l’inizio dei lavori del consiglio, per placare gli animi dei ultrà e aprire una riflessione sul tema, riflessione che di fatto non c’è stata nonostante l’invito del sindaco Brucchi a "ragionare" insieme ad un gruppo di delegati per illustrare i progetti dell’amministrazione. Un’apertura che non è stata raccolta dagli ultrà i quali, cavalcando una interrogazione del capogruppo di Rifondazione Comunista, Sandro Santacroce che invitava la Giunta ad un confronto più ampio con i cittadini sulla destinazione del vecchio stadio, hanno preferito ribadire un secco "no" verso qualsiasi progetto che preveda lo smantellamento del Comunale. Non c’è storia per loro, e non potrebbe essere altrimenti per chi si fa chiamare "I Ragazzi della Est". Per loro il vecchio stadio va invece riqualificato, destinato a eventi culturali, ad area verde per il tempo libero; qualcuno suggerisce di aprire un concorso di idee, ma "l’abbattimento no". Una volontà forte, espressa da circa 3.000 firme che i giovani tifosi hanno raccolto e rivendicato con forza durante l’interruzione forzata dei lavori del Cosiglio: sostengono che "la politica ha deciso senza ascoltare il parere dei cittadini". Non si è perso d’animo Maurizio Brucchi, che ha invece preferito ricordare che i cittadini teramani, scegliendolo con il voto per essere sindaco della città, hanno condiviso dunque hanche  il progetto del nuovo teatro, dal momento che figurava tra i punti qualificanti del suo  programma elettorale. "Sono trasparente", ha dichiarato il sindaco che, replicando amareggiato a Santacroce per l’inasprimento dei toni degli ultras dopo la sua interrogazione, ha infine aggiunto: «E’ però opportuno ribadire che in democrazia, così come è importante poter esprimere tutte le opinioni è altrettanto importante rispettare le decisioni assunte dalla maggioranza. La democrazia è anche questo".

Leave a Comment