Il fantascientifico "Avatar" da oggi al cinema

TERAMO – La programmazione dei cinema teramani che va da oggi al 19 gennaio ci riserva tre nuove pellicole. La prima è Il mio Amico Eric, diretta dal regista inglese Ken Loach, prodotta dal famoso ex calciatore Eric Cantona e presentata in concorso al Festival di Cannes del 2009: Eric (Steve Evets), un postino di Manchester, si trova in momento critico della sua vita. Trent’anni prima, in preda ad un attacco di panico, aveva abbandonato la moglie Lily e la figlia appena nata. Oggi vive con Ryan e Jess, i due figliastri lasciatigli in custodia dalla seconda ex moglie, con i quali ha un difficile rapporto. La figlia Sam è una ragazza madre in procinto di laurearsi e gli chiede di prendersi cura della nipotina per più tempo, questo per Eric significa dover rivedere Lily dopo tanti anni. Una sera mentre Eric è nella sua stanza impegnato ad auto commiserarsi gli si materializza davanti Eric Cantona, il suo idolo del Manchester United del quale è tifosissimo. Cantona con la sua "filosofia" lo aiuterà ad affrontare il suo passato riavvicinandosi a Lily e lo spronerà a chiedere l’aiuto dei suoi colleghi e amici tifosi per togliere dai guai Ryan che nel frattempo si è messo in affari con un pericoloso criminale.
E’ pronto all’uscita l’ultimo prodotto di James Cameron, Avatar. Film di fantascienza girato con tecniche digitali all’avanguardia è ambientato in un futuristico anno 2154 su un pianeta chiamato Pandora, molto simile alla Terra per dimensioni e forme di vita. Il protagonista, Jake Sully, dovrà decidere se aiutare la popolazione dei Na’Vi o gli umani decisi a conquistare il pianeta per impossessarsi delle sue ricchezze minerarie.
Concludiamo con Hachiko, film molto sentimentale che ha Richard Gere come attore protagonista. Il tema trattato è quello del rapporto tra uomo e cane: Richard Gere infatti interpreta Parker Wilson, un docente universitario di musica, che ogni giorno per recarsi al lavoro prende il treno. Una sera, mentre ritorna a casa, trova un cucciolo di akita smarrito e decide di portarlo a casa. Tra il professore e Hachiko si viene a creare un legame indissolubile, tanto che ogni mattina il cane accompagna il padrone fino alla stazione e lo aspetta fino al suo ritorno. Un giorno, durante una lezione, Parker muore in seguito ad un infarto, il cane lo attenderà alla stazione per tutta la sera fino a quando non verranno a riportarlo a casa. Nei giorni seguenti Hachiko scappa di casa recandosi nella piazzetta di fronte alla stazione nella vana attesa che il suo padrone ritorni, vi rimarrà per circa undici anni, fino al giorno della sua morte.
Lorenzo Mazzaufo

Leave a Comment