Bar e ristoranti: l’assessorato al Commercio ottiene risultati importanti sulle licenze

TERAMO – Particolarmente soddisfatto è l’assessorato al commercio del Comune di Teramo per i risultati raggiunti in fase di approvazione della Finanziaria regionale sulle licenze concesse nell’ambito della somministrazione di alimenti e bevande. L’assesore comunale, Mario Cozzi, nel corso di una conferenza stampa, ha reso note due importanti novità che riguardano bar e ristoranti che sono state pubblicate da qualche giorno sul Bura. Infatti la prima stesura della legge regionale prevedeva di stoppare l’esercizio del fitto d’azienda (sostanzialmente non si potevano più affittare le licenze, creando dei problemi ai giovani o a coloro i quali volevano avviare un’attività prendendola in gestione) e venivano accorpate le licenze di bar e ristoranti (comportando una perdita di denaro consistente per chi invece ne aveva appena acquistata una). "Criticità rilevate dall’assessorato al Commercio – ha spiegato Cozzi in conferenza stampa – che si è attivato immediatamente e, tramite il consigliere regionale termano, Berardo Rabbuffo, ha ottenuto due importanti emendamenti approvati nella Finanziaria 2010". Con il primo emendamento viene ripristinata la possibilità di cedere in affitto le licenze dei bar e dei ristoranti, con il secondo invece, come illustrato dall’assessore, vengono salvaguardati gli interessi di chi ha acquistato un doppia licenza dal momento che ha a disposizione ancora 180 giorni di tempo per stabilirne la destinazione. Particolarmente contento si dichiarato Cozzi  per la sinergia attivata in Regione per portare a termine il recepimento degli emendamenti, "si tratta di due risultati importanti – ha detto – perchè diamo la possibilità, a chi lo desidera, di avviare una nuova attività e tuteliamo allo stesso tempo chi ha speso dei soldi per fare un investimento che con la legge precedente sarebbe stato vanificato". 

Leave a Comment