Civitella e Torino più vicini nella Storia d’Italia

CIVITELLA – Stretti rapporti di collaborazione e intesa sono stati avviati dalle comunità istituzionali di Civitella del Tronto e Torino, in vista dei festeggiamentiper i 150 anni dell’unità d’Italia. Intanto il sindaco del borgo teramano, Gaetano Luca Ronchi, sarà nel capoluogo piemontese ai primi giorni di marzo per definire, assieme al collega torinese Chiamparino, il calendario delle iniziative previste a Civitella da inserire nel calendario ufficiale del Comitato Italia 150, e lo stesso Chiamparino sarà a Civitella, probabilmente in occasione dell’incontro primaverile della Deputazione di Storia patria (il 23 maggio). Ma gli aspetti ancor più concreti di questa collaborazione all’interno della grande celebrazione nazionale, saranno la presenza a Torino di Civitella e dell’Abruzzo, per una intera settimana dedicata alla cultura e alla enogastronomia civitellese e regionale, e l’allestimento, in estate, di una mostra di armi d’epoca a Civitella, con alcuni pezzi che furono utilizzati anche qui, nel 1861, che saranno trasferiti dal Museo dell’Artiglieria di Torino per restare in esposizione fino ai primi mesi del 2011. Le iniziative sono state concordate nel corso di un recente incontro a Torino a cui hanno partecipato il presidente del Comitato per i 150 anni dell’unità d’Italia a Civitella, Dalmazio di Dalmazio, il generale Natale Cicconi e Piergiorgio Tisca, il presidente del Comitato Italia 150, Paolo Verri e il capo di gabinetto del comune di Torino, Renato Cigliuti. Secondo il sindaco Gaetano Luca Ronchi,  "la collaborazione con il Comitato Italia 150 rappresenta un’occasione imperdibile per valorizzare al massimo il nostro territorio e sarà per Civitella una vetrina di primo piano nelle manifestazioni nazionali".

Leave a Comment