Atr, la Provincia convoca un tavolo istituzionale con le Regioni Abruzzo e Marche

TERAMO – Con una lettera nel quale ha ricordato la rilevanza economica e occupazionale del gruppo Atr, il presidente della Provincia, Valter Catarra, ha convocato per martedì 16 febbraio alle ore 10, nella sala della Casa del Mutilato di piazza Dante , l’incontro tra azienda, sindacati ed istituzioni per discutere della situazione dell’azienda di Colonnella specializzata nella produzione di compositi in fibra di carbonio. Il gruppo, che conta 700 dipendenti di cui 289 in cassa integrazione straordinaria (negli anni precedenti il numero dei dipendenti era arrivato fino a 1.100 unità), è attualmente in amministrazione straordinaria, procedura riservata alle grandi imprese in crisi e gestita dal Ministero dello sviluppo economico. Il piano di salvataggio dell’Atr, informa una nota, prevede la cessione dell’azienda ad altri gruppi imprenditoriali. “Le istituzioni sono quotidianamente impegnate nella ricerca di soluzioni che possano far intravedere una speranza per l’azienda ed i suoi dipendenti – è il commento del presidente Catarra – È nell’interesse del territorio che il polo del carbonio, con il bagaglio di professionalità e i tanti posti di lavoro che ha finora garantito, possa continuare ad esistere in provincia di Teramo”. All’incontro sono stati invitati – oltre al commissario straordinario del gruppo Atr Gennaro Terracciano e ai sindacati – il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, l’assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti, il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca insieme all’assessore al Lavoro Fabio Badiali, il presidente della Provincia di Ascoli Piceno Piero Celani, con l’assessore al Lavoro Aleandro Petrucci, il sindaco di Colonnella Marco Iustini. L’invito è stato inoltre esteso ai rappresentanti della “Motori Marini Lamborghini” e della Itca, che stanno progressivamente lasciando gli stabilimenti presi in affitto dall’Atr e si trovano dunque a dover gestire i passaggi legati alla retrocessione dei dipendenti.

Leave a Comment