Provincia e Comune incontrano gli studenti per diffondere le opportunità europee

TERAMO – Il centro “Europe Direct” del Comune di Teramo e il servizio “Eures” della Provincia di Teramo promuovono nelle scuole superiori del territorio provinciale un ciclo di incontri informativi aventi per oggetto la mobilità professionale e geografica in Europa. Gli incontri con gli studenti, informa una nota, dureranno un paio di mesi a partire dal 1° marzo, e sono finalizzati alla sensibilizzazione dei giovani verso l’apprendimento delle lingue e delle culture europee, oggi il principale ostacolo alla mobilità. I percorsi formativi serviranno anche a far conoscere le reti ufficiali della Commissione Europea  di informazione, orientamento e consulenza nella ricerca delle opportunità di lavoro e studio in Europa, oltre a fornire consigli pratici per la ricerca di occupazione in ambito europe “Sempre più si pone come necessità irrinunciabile – dichiara Giovanni Luzii, assessore comunale alle Politiche Comunitarie – quella di agevolare il processo di scoperta delle innumerevoli possibilità di studio, formazione e lavoro offerte dall’Unione Europea, sensibilizzando gli interessati a intercettare le svariate opportunità di supporto finanziario alla mobilità studentesca e lavorativa”. “Vogliamo far comprendere ai ragazzi che l’Europa non è un’idea vuota né lontana – ha dichiarato l’assessore provinciale al Lavoro, Eva Guardiani – al contrario è una chiave per accedere ad una serie di opportunità che sono dietro l’angolo”.  Il Centro EUROPE DIRECT del Comune di Teramo è una rete di informazione ufficiale della Commissione Europea che offre informazioni, consulenza ed assistenza sulle opportunità fornite dall’Unione Europea e sull’attività delle istituzioni, la legislazione, le politiche, i programmi e le possibilità di finanziamento dell’Unione Europea. Il Servizio EURES, attivato dalla Provincia di Teramo, è invece un servizio pubblico e gratuito promosso sempre dalla Commissione Europea che fornisce informazione, consulenza e orientamento sulla mobilità professionale in Europa.

Leave a Comment