Brucchi e Mariotti «indagati» per un pozzetto

TERAMO – Il sindaco di Teramio, Maurizio Brucchi e il dirigente del settore ambiente, Stefano Mariotti, sono indagati nell’ambito diuna inchiesta della procura di Teramo sullo sversamento di acque nere dai pozzetti di sollevamento di un sottopasso nella frazione di Piano d’Accio. Ne ha dato notizia lo stesso primo cittadino con un comunicato stampa. L’episodio risale ad alcuni mesi fa. Una abbondante precipitazione intasò il pozzetto in questione con relativo sversamento di reflui in un vicino corso d’acqua: sotto il profilo ambientale, tiene a precisare l’amministrazione comunale, non ci furono conseguenze perchè le acque sversate non risultarono inquinate. L’indagine vuole accertare se l’amministrazione comunale abbia agito causando un danno. Il Comune a seguito di quell’episodio "è intervenuta due volte, dapprima con lo spurgo dell’area e una seconda per condurre un blocco di sistema che di fatto ha ripristinato la situazione e impedirà il ripetersi dell’episodio". “In forza della documentazione disponibile – ha affermato il sindaco Brucchi – ritengo di poter considerare a vicenda come organica all’attività di un pubblico amministratore e sono tranquillo sul suo esito".

Leave a Comment