Sociale: 8 milioni di euro per l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate

TERAMO – La Giunta regionale ha approvato una delibera che prevede lo stanziamento di 8,4 milioni di euro per potenziare le politiche di inclusione sociale e lavorativa delle persone diversamente abili, svantaggiate e a rischio di emarginazione.
I fondi sono stati approvati su proposta dell’assessore regionale al Lavoro e alle Politiche Sociali, Paolo Gatti. Il bando prevede interventi a favore dell’inserimento lavorativo di portatori di disabilità, di soggetti che fuoriescono da stati di dipendenza e detentivi, di immigrati, non udenti e per il contrasto alle nuove schiavitù. Il bando prevede di affidare la gestione degli interventi su base biennale ad un unico organismo intermedio attraverso il sistema della "Sovvenzione Globale". Una modalità operativa di evidenza pubblica prevista per l’assegnazione delle risorse del Fondo Sociale Europeo che ha il pregio di accelerare e snellire i tempi e le procedure di mobilitazione di risorse finanziarie, inutilizzate da anni, responsabilizzando direttamente gli operatori economici interessati alla realizzazione degli interventi previsti dal bando stesso. "Abbiamo ricondotto ad un unico intervento organico – commenta l’Assessore Paolo Gatti – una miriade di risorse precedentemente programmate e sparse in diversi microprogetti. Vogliamo dare il segno del passaggio da una visione parcellizzata ad una programmazione strutturata che possa dare risposte efficaci al bisogno di inclusione sociale e lavorativa di tante persone".

Leave a Comment