Il presidente del Teramo Campitelli: «Pronti alle sfide del futuro»

TERAMO – Il Teramo ritorna in serie D ed il presidente del club biancorosso Luciano Campitelli rilascia una dichiarazione di intenti. Ecco i passi più salienti. "Sono bastati solo venti mesi per riabbracciare vittoria, entusiasmo e voglia di calcio. Siamo tornati dopo aver percorso strade e vie dei nostri paesi d’Abruzzo, giocando sui piccoli campi solitamente luoghi di sfide strapaesane , talvolta arrecando anche disagio perché eravamo tanti e non c’era posto per tutti. Seppur in una dimensione diversa e in posti che non avremmo mai immaginato di visitare per seguire la nostra squadra, abbiamo apprezzato l’ospitalità di chi con tanta meraviglia e curiosità ha accettato l’impari sfida, senza rinunciare al giusto agonismo". Lungo il cammino il Teramo ha accusato delle battute a vuoto e Campitelli ha detto in proposito: "Non è mancata la gloria per qualcuno che è riuscito nell’impresa di battere il blasonato Teramo. Siamo tornati, dopo aver assaporato tanta delusione e amarezza, con il proposito di continuare e consolidare il prestigio che la nostra città aveva saputo conquistare con tanti anni di attività negli ambienti calcistici nazionali. Da soli avremmo costruito un castello nel deserto, inutile, vuoto e senza senso." Sul fututo il presidente non lascia spazio ad alcun dubbio: "Abbiamo ricominciato dal gradino più basso, creando una base societaria che al momento è ben solida e pronta ad accettare le sfide del futuro".

Leave a Comment