In manette il sindaco di Farindola

PESCARA –  Cinque provvedimenti di arresti domiciliari nei confronti del sindaco di Farindola, Antonello De Vico, di due consiglieri comunali di Penne e due professionisti sono stati eseguiti dal
comando provinciale dei carabinieri di Pescara per corruzione, concussione, peculato, falsità ideologica, estorsione e millantato credito. Sono in corso anche 15 perquisizioni nei confronti del
sindaco di Penne e altri. L’operazione conclude una complessa indagine che ha consentito di svelare nelle amministrazioni comunali di Penne e Farindola e rapporti tra pubblici amministratori e imprenditori della provincia meccanismi di illegalità diffusa nella gestione di appalti, costruzione di private abitazioni, gestione delle politiche sociali e  assistenziali, nei servizi di smaltimento dei rifiuti.

Leave a Comment