Bici distrutte, il Pd: «Una vergogna che la civiltà di Teramo non merita»

TERAMO – Il primo intervento di condanna contro il danneggiamento delle stazioni di bike sharing comunali è del Partito democratico cittadino che "condanna gli episodi di vandalismo che nella notte hanno colpito la nostra città. Tali atti – si legge nella nota del Pd – sono ancor più gravi in quanto diretti nei confronti di servizi che contribuiscono a rendere la nostra città più ecologica e vivibile». Per gli esponenti del Partirto democratico «il civismo ed il rispetto della cosa pubblica sono valori irrinunciabili cui tutti devono attenersi. Questi episodi rappresentano una vergogna che la storia di civiltà di Teramo non merita e ci auguriamo che i colpevoli vengano al più presto individuati e puniti severamente». il Pd lancia infine una proposta: «Proponiamo di avviare simbolicamente una raccolta fondi per l’acquisto delle nuove city-bike. Anche l’Italia dei valori interviene per condannare i teppisti: «Esprimo la mia viva solidarietà al sindaco Brucchi, alla sua giunta e a tutto il consiglio Comunale di Teramo – scrive Alberto Di Croce in una nota -, per il gesto vandalico subìto. L’iniziativa ha avuto e ha il plauso di tutte le forze politiche senza alcuna distinzione, come senza distinzione senza se e senza ma, si condanna il vile gesto teppistico perpetrato la scorsa notte contro la proprietà comunale».

Leave a Comment