Due stazioni di bike distrutte dai padroni della notte

TERAMO – Il servizio di bike-sharing non ha avuto nemmeno il tempo di entrare in funzione che subito c’è stato il gruppetto di imbecilli di turno che hanno pensato bene di spaccare tutto. Due stazioni, otto bici in tutto, sono state prese a calci o spaccate con un mezzo a motore a Piazzale San Francesco e in Piazza Orsini (nelle foto). In quest’ultimo caso l’atto vandalico assume un significato molto più forte e simbolico per il fatto che i sellini delle biciclette comunali da affittare sono stati divelti e posizionati davanti al portone del Municipio. Forse si tratta anche di un gesto che ha messo la ‘firma’ su questa azione di puro attentato non solo all’educazione civica ma soprattutto alla libertà di scelta dei cittadini. Sul posto ci sono agenti di polizia della volante e della squadra mobile: hanno ascoltato testimonianza e per fortuna sembra che ci sia chi ha visto, riuscendo a fornire una descrizione abbastanza attendibile dei vandali, che avrebberio agito verso le 3 della scorsa notte."image" Sono arrivati anche gli amministratori e il sindaco Maurizio Brucchi, che ha parlato di grave episodio sul quale bisogna riflettere: «Mi vergogno di essere il sindaco di questi teramani qui», ha detto riferendosi ai vandali notturni. L’episodio non mancherà di sollevare polemiche e aprire il dibattito sul grado di sicurezza della città, della possibilità che ubriachi e vandali – i veri padroni della notte – possano aggirarsi indisturbati nel cuore del centro storico, avendo la possibilità di ‘attaccare’ punti sensibili come il Comune, la cattedrale o le banche.

Leave a Comment