Poliservice: l’Unione Comuni Val Vibrata chiarisce

VAL VIBRATA – L’Unione dei Comuni della Val Vibrata interviene in risposta alle accuse sindacali circa la poliservice, i cui dipendenti, deputati alla raccolta dei rifiuti, non avrebbero trovato in busta paga la 14esima. La situazione che si è venuta a creare dipende, principalmente, dalla "poca chiarezza emersa nei mesi scorsi sulla natura tributaria della T.i.a., sulla competenza della riscossione e sulla difficoltà d’incasso della stessa T.i.a. degli anni scorsi. Tutto questo ha causato uno slittamento dell’emissione delle fatture riguardanti il servizio svolto a partire da gennaio 2010, con conseguenti ed evidenti problemi di liquidità per la cassa della Poliservice S.p.a, società alla quale, l’Unione di Comuni Val Vibrata ha affidato la raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti sui territori delle municipalità che hanno delegato questo servizio" si legge nella nota. La Poliservice S.p.a., società alla quale dipendono i lavoratori, si è detta pronta a versare la 14esima compresi gli interessi entro il mese di agosto. L’incontro, sollecitato dalla Cgil e Cisl, ben accolto dall’Unione di Comuni Val Vibrata anche in virtù dei buoni rapporti che esistono tra l’ente Unione di Comuni e le suddette organizzazioni sindacali, è servito ad illustrare le difficoltà in cui versa la Poliservice S.p.a. a fronte della problematica sopra esposta. La stessa Unione di Comuni non è riuscita a porre in pagamento, nell’arco di pochi giorni, l’elevato importo delle fatture emesse i primi giorni di luglio per i Comuni di Alba Adriatica e Tortoreto. Oltre a ciò, nella stessa riunione, si è parlato delle difficoltà in cui si trovano tutti i Comuni vibratiani a causa dei ripetuti aumenti decisi dalle discariche dove confluiscono i nostri rifiuti con inevitabili ripercussioni sui pagamenti. Situazione che viene tenuta sotto costante controllo grazie all’aumento della raccolta differenziata, operata dai cittadini, ed il passaggio al porta a porta della quasi totalità dei nostri Comuni (meno rifiuto indifferenziato viene portato in discarica e meno pesanti risultano le fatture da pagare) anche se, proprio a fronte di questo successo, non è possibile ridurre il prelievo dalle tasche dei contribuenti proprio per gli aumenti dei costi dei conferimenti del rifiuto indifferenziato e dell’organico. Va sottolineato che la Poliservice S.p.a. non è una società privata ma pubblica con tutte le difficoltà che questo comporta per ottenere fidi o quant’altro dagli istituti finanziari. L’Unione di Comuni Val Vibrata in questi giorni ha liquidato diverse fatture mentre i singoli Comuni stanno provvedendo a pagare per quanto di loro competenza al fine di evitare disagi ai lavoratori. Vanno però considerate con attenzione le problematiche delle amministrazione comunali impegnate a far quadrare i conti con la drastica riduzione dei trasferimenti statali ed il continuo aumento della spesa.

Leave a Comment