Lourdes. Allarme bomba al Santuario

TERAMO_Lourdes, allarme bomba al Santuario. Evacuati trentamila pellegrini anche teramani. Migliaia i fedeli presenti nel luogo di culto per partecipare alla messa solenne della Festa dell’Assunzione. E fra questi anche una comitiva partita da Teramo lo scorso mercoledì, sono in 50 ed hanno raggiunto Louders con un pullman turistico, sono di Varano, Colle San Maria, Teramo, Colleatterrato."L’allarme bomba – spiega il responsabile dell’ufficio stampa del santuario, Pierre Adias – è stato ricevuto dal commissariato di polizia, e annunciava che quattro bombe sarebbero esplose alle 15 sul sito del Santuario". "Stiamo evacuando il Santuario, e verrà impedito a tutte le persone uscite per il pranzo di rientrare. Tutto si svolge con calma", assicura Adias. Oggi è un giorno particolarmente significativo per Lourdes: infatti sul luogo del Santuario per la Chiesa sarebbe apparsa la Vergine Maria a Bernadette Soubirous 152 anni fa, in occasione proprio dell’Assunzione, che si festeggia il 15 agosto. Tutti i pellegrini presenti a Lourdes sono stati allontanati dall’area del santuario e sono in sicurezza. E’ quanto ha detto il responsabile dell’Unitalsi di Lourdes, Emanuele Boero, spiegando che si tratta della prima volta nella storia che si verifica un allarme del genere a Lourdes. "Ci hanno avvisato dalla gendarmeria e poi mi ha convocato il sindaco per dire che c’era l’allarme bomba – ha detto Boero a Skytg24 – e dopo un primo stupore tutti ci siamo allontanati. Forse nell’area del santuario, che è molto vasta, c’erano anche più di 30 mila persone, anche perché in questi giorni c’é il pellegrinaggio francese. Sono presenti anche degli italiani. Tutti stanno bene". Boero ha detto che si è in attesa ora delle attività di bonifica della basilica, anche se il termine delle 15 per l’esplosione delle bombe è scaduto senza alcun problema. Artificieri, con l’ausilio di cani specializzati nella ricerca di esplosivi, stanno esaminando i santuari di Lourdes evacuati in seguito alla chiamata anonima che ha segnalato la presunta presenza di quattro bombe. Lo ha riferito un portavoce del luogo di pellegrinaggio. Le cancellate della basilica dell’Immacolata concezione, la Basilica del rosario, la chiesa sotterranea di San Pio X e altre parti dei santuari compresa la grotta sono chiuse e numerosi pellegrini attendono nei pressi. Alcuni intonano canti. Non è il primo allarme bomba quello lanciato oggi nel santuario cattolico di Lourdes: il 27 ottobre del 2002 una allerta provocò l’evacuazione della chiesa di San Pio X. Lo ricorda il responsabile dell’Ufficio stampa, Pierre Adias, intervistato da La Depeche. Sulla riapertura del santuario, Adias non ha dubbi: "Non c’é alcun motivo per rimanere chiusi, una volta che verranno date tutte le garanzie di sicurezza". Ed infatti dopo il cessato allarme il Santuario è stato regolemnte riaperto.

Leave a Comment