Naufragio del Pescara sul campo dell’Albinoleffe (3-1)

TERAMO_ Naufragio del Pescara in Coppa. Esce sconfitto dal campo dell’Albinoleffe con un punteggio (3-1) che non ammette repliche. Gol di Cissè su calcio di rigore, poi doppietta di Torri, rete della bandiera degli adriatici di Maniero. Insoddisfacente prima frazione per gli uomini di Di Francesco, controllati e puniti da un pratico Albinoleffe, che lascia giocare ma quando accellera crea spesso grossi problemi dalle parti di Pinna. Difesa confusionaria probabilmente anche per colpa del poco filtro del centrocampo, con il solo Cascione da incontrista di ruolo. In attacco qualche bella idea di Verratti ma in generale azioni troppo lente e prevedibili, controllate senza affanni dalla difesa avversaria. Molto nervosismo in campo e in panchina, con Di Francesco ovviamente insoddisfatto della prestazione e dell’atteggiamento dei suoi. Secondo tempo leggermente migliore per il Pescara che rientra in campo con Stoian sulla sinistra del centrocampo, e Maniero in attacco al posto di Inglese. Si torna così al vecchio 4-4-2 e gli effetti si vedono subito. Dopo 14 minuti Gessa, tornato al suo ruolo naturale, crossa per Maniero che non sbaglia e si candida per un posto da titolare contro il Siena. Il Pescara prova ad accorciare ulteriormente il risultato ma l’Albinoleffe non rischia e fa girare palla per far scorrere i minuti. Entra Ganci e i biancazzurri tornano pericolosi, l’attaccante milanese ci prova diverse volte dalla distanza ma senza fortuna. A pochi minuti dal termine clamorosa occasione per i padroni di casa ma Gessa salva un gol già fatto.

Leave a Comment