Inquinamento, Assoturismo: "Gli enti locali intervengano, i turisti vanno risarciti"

TERAMO – "L’Abruzzo ha investito tutte le sue energie sull’immagine di regione verde, non è assolutamente tollerabile il malfunzionamento del depuratore del fiume Vibrata, che sta arrecando un gravissimo danno d’immagine al turismo abruzzese e costringe decine di bagnanti a bruciare le ferie per ricorrere alle cure mediche". E’ quanto dichiara Daniele Zunica, presidente regionale di Assoturismo-Confesercenti, la federazione che riunisce oltre 1.500 imprese turistiche abruzzesi. "Ogni anno – sostiene Zunica – centinaia di migliaia di turisti scelgono l’Abruzzo proprio perchè attratti dalla regione dei parchi,non è pensabile ritrovarsi sui giornali di tutta Italia per un episodio così grave, che non può offuscare gli sforzi di migliaia di imprenditori lungo 130 chilometri di costa e in decine di centri delle aree interne". Secondo il presidente regionale di Assoturismo-Confesercenti, "le responsabilità vanno accertate con urgenza, così come vanno trovate forme per risarcire i turisti colpiti. Apprezziamo la rapidità dell’intervento della Provincia – prosegue Zunica – e ci aspettiamo che la stessa Provincia e i Comuni coinvolti garantiscano fin da ora che l’estate 2011 si aprirà con un depuratore adeguato, in grado di garantire la piena fruibilità del mare e dei servizi all’avanguardia che la spiaggia offre". La Provincia intanto fa sapere con una nota che fra i corso d’acqua di sua competenza tecnica e amministrativa non c’è il fiume Vibrata che è invece della Regione Abruzzo. Per questo motivo la Provincia, in relazione agli episodi di inquinamento accertati nei giorni scorsi,  sta approntando una relazione sullo stato del fiume e sui rilievi compiuti dalla Polizia provinciale da inviare alla Regione, all’assessorato ai Lavori pubblici, Servizio idrico integrato, gestione integrata dei bacini idrografici, difesa del suolo, retto dall’assessore Angelo Di Paolo.

Leave a Comment