I tendopolisti riflettono sul ruolo della Chiesa e i rapporti con l’uomo

TERAMO – Dopo l’attesissima testimonianza di ieri del giornalista Paolo Brosio, oggi i tendopolisti hanno ascoltato la relazione del padre passionista Ciro Benedettini, vice direttore della sala stampa del Vaticano, che ha parlato de “La Chiesa ospite e pellegrina nella terra dell’uomo”. “Mai si è parlato tanto di Chiesa nei media come in questi ultimi tempi. Quasi ogni giorno la Chiesa è stata alla ribalta su radio, TV, giornali, blogs, network sociali.  C’è un nuovo interesse per la Chiesa? Sì, c’è interesse – ha detto ai giovani Benedettini – La Chiesa può essere soddisfatta, contenta di questo interesse per i suoi uomini, per la sua istituzione? No, purtroppo. Ve ne siete accorti, la Chiesa fa notizia soprattutto quando sbaglia, quando pecca. Infatti, si è parlato di chiesa non tanto per evidenziare gli aspetti positivi, non per parlare della sua storia, dei suoi rappresentanti migliori, dei suoi santi, ma soprattutto per rinfacciare ai cristiani ed in particolare agli uomini di chiesa, i loro peccati, i loro difetti. La Chiesa è stata schiaffeggiata, umiliata, riempita di fango. Il pomeriggio dei tendopolisti sarà invece dedicato ad un approfondimento del proprio cammino spirituale attraverso il silenzio ed il deserto cui si accompagnerà la festa della riconciliazione seguita dalla messa e dalla tradizionale “Via Crucis nel piazzale” del Santuario, animata dai ragazzi. Domani la Tendopoli chiuderà con la Festa dei giovani. In mattinata verranno accolti i giovani, tendopolisti vecchi e nuovi, che hanno partecipato ai trent’anni di storia della Tendopoli contribuendone a scriverne un pezzetto di storia. Nel pomeriggio alle 15 ci sarà la consegna del pane e dell’acqua cibo del pellegrino a tutti i partecipanti. La Tendopoli potrà essere seguita quotidianamente anche on line, attraverso il sito internet www.tendopoli.it.

Leave a Comment