Serie D, conto alla rovescia per il debutto del Teramo

TERAMO-Conto alla rovescia scattato. Domenica prossima il Teramo debutta in serie D ed ospiterà il Cesenatico (mentre in Coppa i biancorossi ritorneranno in campo il 16 settembre). Finalmente staccheremo il tagliando autostradale dopo San Benedetto: il sogno si avvera. E ritrovare il vecchio e caro Rimini, ritrovare la vecchia e cara Samb, ritrovare i leoncelli di Jesi fa immensamente piacere. E poi quanto è strano questo calcio che odora adesso anche di Romagna. Lassù si sono dovuti inventare un Real Rimini (stesso film visto a Teramo tre anni) per rifare calcio con una differenza: lassù non hanno fatto storie. E lassù stanno litigando per l’utilizzo del campo fra Rimini e Real Rimini, come qui da noi con sfumature diverse ovviamente. Rimini- Teramo. Da brividi. Da ricordi mai sopiti e mai dimenticati. Sarà esodo anche questa volta. Ed esserci sarà emozionante come la prima volta. Sono cambiati gli attori, tanti attori. Ma il Teramo c’è ancora. Con un altro sogno riposto nel cassetto, ancora più ambizioso e si sa che i sogni aiutano a vivere meglio. A volte ritornano. Ancora. Ed è bello perché è stato varato un signor Girone. A venti squadre, torneo lungo, lunghissimo. Un girone dove ci auguriamo di essere ancora protagonisti con un sogno al fondo al cuore. Quando il 19 dicembre (grande festa del patrono San Berardo) ed il Teramo sarà a Recanati (la patria di Giacomino Leopardi nostro) tutti sperano che il caro diavolo abbia già il volto di una squadra. Che è già lontana. Ma bisogna cominciare. Con il Cesenatico. A volte ritornano. Ancora. Ed esserci è bello. Con questo clima, con questa nuova realtà che al di la delle simpatie o antipatie (insite nel vivere quotidiano) resta un gustosa realtà (calcistica) dai sapori veri.

Leave a Comment