Tangenti post-sisma: gli indagati tornano in libertà

TERAMO – Svolta nelle indagini condotte nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte tangenti nella ricostruzione post terremoto. Il Gip del Tribunale dell’Aquila, Marco Billi, ha rimesso in libertà e revocato le altre misure per quattro dei cinque indagati. La decisione del Gip c’è stata dopo il parere favorevole del Pm Antonietta Picardi per la quale sono venute meno le esigenze di custodia cautelare perchè si è attenuato il pericolo di inquinamento delle prove. Tornati dunque in libertà l’ex tesoriere della Dc ed ex capogruppo regionale di Fi, Ezio Stati, l’ex parlamentare di An poi passata a Fi, Vicenzo Angeloni e Marco Bozzelli, compagno dell’ex assessore regionale all’ambiente Daniela Stati, figlia di Ezio, che si era dimessa dopo essere stata raggiunta da un provvedimento di interdizione dai pubblici uffici. I tre erano ai domiciliari: Stati ed Angeloni li avevano ottenuti dopo la permanenza in carcere. Il quinto indagato, Sabatino Stornelli,
amministratore delegato di Selex Service Managment (gruppo Finmeccanica), che ha il 30% delle azioni della società pubblica in Abruzzo Engineering (il 60% della Regione Abruzzo, il 10% della Provincia dell’Aquila), aveva l’obbligo di dimora a Roma.

Leave a Comment