Chiodi: "L’Abruzzo ha smesso di fare debiti"

TERAMO – "L’Abruzzo, pur con evidenti sacrifici, ha smesso di fare nuovi debiti e di generare altro disavanzo". Lo ha dichiarato il presidente della Giunta, Gianni Chiodi, aggiungendo: "Rispetto agli anni passati e, grazie a una politica di contenimento delle spese, oggi possiamo vantare una riduzione del debito complessivo di oltre 500 milioni di euro in poco più di un anno. Un dato che, probabilmente, l’opposizione ignora, o finge di ignorare, cercando di focalizzare l’attenzione su una polemica sterile, demagogica, fondata sul nulla". Il presidente Gianni Chiodi risponde così alle polemiche sollevate in questi giorni sollevate da alcuni esponenti dell’opposizione che hanno parlato di "sprechi" da parte della Giunta regionale . "Sul fronte della spesa pubblica – aggiunge – ricordo la riduzione delle Asl da sei a quattro, la chiusura di due sedi di rappresentanza in Romania ed in Brasile, la liquidazione di due società, la Sir e l’Aret, il commissariamento degli enti e delle agenzie regionali che ha portato ad eliminare 24 consigli di amministrazione, il taglio dei compensi ai consiglieri di amministrazione di Abruzzo Engeneering e Fira, del numero dei dirigenti regionali da 128 a 105, la riduzione del numero dei Confidi, l’arresto delle dinamiche di assunzione del personale e, infine, la riduzione delle Comunità montane e delle indennità dei consiglieri regionali". "In due anni l’indebitamento è sceso di oltre il 12,5 %. Tutte iniziative che forse erano tra gli obiettivi della Sinistra, con la differenza che noi, dopo averlo annunciato lo abbiamo fatto veramente. I consiglieri d’opposizione dimostrano di non essere attenti ai tagli operati da questa amministrazione così come, in passato, sfuggivano loro gli sprechi di risorse pubbliche, le elargizioni di privilegi e le spese inutili che la loro maggioranza operava deliberatamente fino a portare questa regione all’immobilismo".

Leave a Comment