Gis: "L’azienda è in buona salute"

TERAMO – “La Gis Gelati non ha mai avuto problemi né di produzione né di mercato, sta regolarmente pagando gli stipendi e la situazione sta velocemente tornando alla normalità dopo la vicenda giudiziaria che ha investito la Adria Olii, società quest’ultima, alla quale la Gis aveva appaltato la distribuzione dei gelati e nei confronti della quale vanta un credito di circa 4 milioni di euro”. In seguito alla vicenda giudiziaria che vede coinvolta l’Adria, l’appalto è stato revocato e la Gis ha ripreso a distribuire in proprio. E’ quanto emerso questa mattina al tavolo delle relazioni industriali convocato dal presidente Valter Catarra su richiesta della Flai – Cgil al quale ha preso parte lo stesso Pietro Scibilia che ha fornito dati e cifre e spiegato che l’azienda è in “buona salute”. “In pochi giorni ha fatturato oltre un milione di euro –ha detto ancora l’imprenditore – abbiamo pagato gli stipendi di giugno e la quattordicesima e entro settembre pagheremo le spettanze di luglio. Certo, a questo punto, nel rispetto del lavoro della magistratura, è quanto mai indispensabile che i commissari nominati dal Tribunale procedano in tempi brevi a smobilizzare il credito vantato dalla Gis nei confronti della Adria”. Scibilia, in un passaggio, ha tenuto a specificare che i risultati ottenuti, nonostante la difficile congiuntura, sono da ascrivere “al senso di responsabilità dei dipendenti” ai quali è andata la sua riconoscenza e alla collaborazione della Banca di Teramo “che ha avuto fiducia nell’azienda”.
Un’azienda storica che ha avuto molto da questo territorio ma ha anche dato molto – ha dichiarato il presidente della Provincia, Valter Catarra – considerato che impiega stabilmente 25 dipendenti che salgono a 140 per sei mesi l’anno.  Mi auguro che questo momento così delicato venga superato in fretta e che questo storico marchio dell’agroalimentare continui a lavorare con soddisfazione nella nostra provincia potendo contare sul supporto di un sistema bancario locale anche alla luce dei buoni risultati aziendali”.

Leave a Comment