Dal Governo 20 milioni di euro all’anno per il sistema culturale abruzzese

TERAMO – Il Governo ha destinato all’Abruzzo circa 20 milioni di euro all’anno dal 2011 e per dieci anni, per il recupero del centro storico dell’Aquila e del sistema culturale duramente compiti dal terremoto del 6 aprile 2009. Una somma che rappresenta circa l’1% dei cosiddetti fondi Arcus destinati all’intero territorio nazionale, finanziamenti che provengono dal 3% di trattenute sulle opere pubbliche. Lo ha annunciato il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Sandro Bondi, oggi all’Aquila nel corso di una conferenza stampa. All’incontro erano presenti anche il commissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, il vicecommissario Massimo
Cialente, rispettivamente presidente della Regione e sindaco dell’Aquila, e il presidente della Provincia dell’Aquila, Antonio Del Corvo. La conferenza stampa si è tenuta a margine di un incontro operativo durante il quale è stato fatto il punto della situazione sul recupero dei beni culturali nella zona colpita dal sisma. "Il Ministero della Cultura – ha spiega Bondi – non potev non occuparsi del recupero del centro storico dell’Aquila, dove ci sono 250 edifici storici tutelati". Bondi ha anche aggiunto che l’iniziativa dimostra il ruolo importante dello Stato italiano e del Ministero dei Beni Culturali, "si tratta di un grande impegno, di uno sforzo completo, per poter fare un programma di grande respiro dando prova di una forte e
doverosa attenzione". "Vogliamo presentarci come Paese in maniera efficace non solo sull’emergenza, ma anche sul recupero del centro storico dell’Aquila e del sistema culturale colpito dal sisma". Soddisfazione è stata espressa dall’assessore alla Cultura, Mauro Di Dalmazio, che ha partecipato alla riunione tecnica per il recupero del patrimonio culturale aquilano. Di Dalmazio ha manifestato il proprio compiacimento per la decisione del ministro Sandro Bondi, di accogliere la proposta avanzata dal Presidente Gianni Chiodi, di destinare una parte percentuale dei fondi Arcus per la ricostruzione dei beni culturali del centro storico e per il sostegno al sistema delle attività culturali.

Leave a Comment