La Tekno ipoteca la qualificazione in Coppa Italia

BRESSANONE – Passa con autorevolezza a Bressanone la Teknoelettronica dell’ex Marcello Fonti (16-25) nel turno di andata degli ottavi di finale di Coppa Italia. I biancorossi scesi in campo consci del ridotto potenziale per le assenze degli infortunati Raupenas e Corrado e hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo giocando una partita praticamente perfetta contro una squadra, quella allenata da Noessing, affiatata e ben allenata. La rocciosa difesa 3-2-1 messa in campo da coach Fonti è stato il punto di forza su cui il team teramano ha costruito la sua vittoria, sfruttando la vena e la velocità di Adriano Rispoli in seconda fase (l’ex Ancona è risultato il miglior realizzatore con 8 reti), ben spalleggiato dall’ungherese Szilard Horvath. Ma è stata tutta la squadra che ha giocato all’altezza di questo primo impegno ufficiale della stagione italiana, unico ottavo di finale che nella griglia ha opposto due formazioni della Serie A Elite: nelle gambe dei teramani si è notata la ottima esperienza tratta dal doppio match in Ehf Cup contro i belgi del Tongeren, sotto forma di ritmo e adattamento al clima-gara. Da rilevare l’esordio in campo dei giovani teramani Leodori (che già si era visto nella gara di ritorno della Coppa Ehf) e Marano, quest’ultimo classe 1995. Il buon margine del risultato permette alla Teknoelettronica di affrontare la gara di ritorno – in programma sabato prossimo alle 19 al Palasannicolò – con relativa tranquillità circa le possibilità di passaggio del turno. Ecco il tabellino dell’incontro:
Forst Brixen-Teknoelettronica Teramo 16-25 (pt 7-10)
Forst Brixen: Scepanovic 3, Giuliani 3, Dejakum 2, Radukic 4, Kammerer 1, Kovacs 1, Ploner S., Michaeler, Sader, Stuffer 2, Mair, Ploner M., Sonnerer,  Ranhalter. All. Noessing.
Teknoelettronica Teramo: Di Marcello P., Di Leo 3, Di Marcello A. 3, Rispoli  V. 1, Horvath 7, Cotellessa, Rispoli A. 8, Di Marcello M., Vaccaro 3, Addazi,  Angeletti, Leodori, Marano, Maiella. All. Fonti.
Arbitri: Di Domenico – Fornasier.

Leave a Comment