Castrogno, allarme su due tentativi di suicidio: erano bufale

TERAMO – In piena emergenza carceri, per affollamento di detenuti e carenze di personale, il problema delle condizioni di vita delle persone rinchiuse è sotto la lente d’ingrandimento dei media. Soprattutto per quel che riguarda suicidi o tentativi di suicidio. Ma questo espone al rischio di valutazioni errate, ovvero di notizie false. Succede così che si diffonde la notizia di due tentativi di suicidio nel giro di poche ore, nella serata di ieri a Castrogno, di due detenuti italiani. Nella realtà e dopo approfondite verifiche, si scopre che uno, un giovane teramano in isolamento per tentativo di rapina, aveva cercato di attirare l’attenzione degli agenti annodando un lembo di lenzuolo alla finestra e questo avrebbe fatto pensare a un imminente suicidio per impiccagione; l’altro, un romano della sezione protetta, affetto da una patologia medica, ha semplicemente sbagliato medicina e per precauzione, il medico della struttura penitenziaria ha ritenuto fosse meglio visitarlo in ospedale, altro che tentativo di suicidio per ingestione di barbiturici.

Leave a Comment