Chiodi fa adesso i conti senza due assessori

TERAMO – Giornata aquilana per il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, impegnato oggi ad approfondire la bufera giudiziaria che ha coinvolto l’assessore regionale alla Sanità Lanfranco Venturoni ed esponenti di spicco del Pdl, ma soprattutto le conseguenze
politiche. Chiodi deve ora fare i conti con l’assenza di due assessori, dal
momento che dal 2 agosto ha perso Daniela Stati, che aveva le deleghe alla protezione Civile, Rifiuti ed Ambiente,  e Lanfranco Venturoni è agli arresti domiciliari anche se non sono ancora arrivate le sue dimissioni. Nella giornata sono in programma incontri politici con assessori e consiglieri di centrodestra. La maggioranza di centrodestra ha inoltre comunicato
nel corso della conferenza dei capigruppo di voler esaminare il tema del terremoto e la ricostruzione, oggetto della seduta straordinaria saltata due volte per la protesta dei comitati
cittadini dell’Aquila e per la bufera giudiziaria, nella seduta ordinaria del 28 settembre prossimo. In quella data il presidente Chiodi dovrebbe riferire sull’inchiesta sui rifiuti. Si dovrebbe anche parlare delle problematiche legate alla scuola.

Leave a Comment