Noè Lucidi, il Comune: "L'edificio è sicuro, situazione sotto controllo"

TERAMO – “L’edificio della Noè Lucidi è sicuro e il Comune sta monitorando i lavori che vengono portati avanti come da programma all’interno della struttura”. Lo sostiene l’assessore ai lavori pubblici Giorgio Di Giovangiacomo replicando in una nota alle accuse rivolte da Pd e Rifondazione Comunista intervenuti oggi per esprimere preoccupazione per l’incolumità degli studenti e del corpo docente della struttura. “Sono state aperte nuove uscite di sicurezza e i tubi dei termosifoni non sono pericolosi – precisa Di Giovangiacomo – ma servono all’installazione dei nuovi termosifoni prima dell’arrivo del freddo”. Per quanto riguarda le dimensione delle aule che a dire del Pd e di Rifondazione sarebbero troppo strette per accogliere gli studenti, l’assessore ai Lavori Pubblici precisa che la loro sistemazione è stata decisa dalla direzione didattica in piena autonomia e che ogni tipo di spostamento verso altre strutture va stabilito solo ed esclusivamente dal direttore e non dal Comune che si occupa invece di portare a compimento i lavori di adeguamento sismico e di rifacimento degli impianti idraulici ed elettrici. “Consiglio al Pd e a Rifondazione di farsi un giro anche negli istituti scolastici superiori di competenza della Provincia – dichiara ancora Di Giovangiacomo – dove in 15 anni di amministrazione di centro sinistra non è stato eseguito quasi nessun tipo di manutenzione a fronte di quanto ha invece realizzato l’amministrazione comunale spendendo dall’epoca dell’amministrazione Chiodi a oggi la bellezza di otto milioni e mezzo di euro, compresa la Noè Lucidi”. L’assessore ricorda infine che i lavori sono stati approvati da un pool di 15 ingegneri e di tecnici che tengono costantemente sotto controllo il plesso e che il cronoprogramma prevede la conclusione dell’intervento per i primi giorni del mese di gennaio.

Leave a Comment