«Venturoni ha agito in maniera lecita»

TERAMO – Si è trattato di comportamenti pienamente leciti e anche gli atti assunti quale presidente della Teramo Ambiente rispettano questo presupposto: è questa la sintesi che la difesa dell’assessore regionale alla Sanità, Lanfranco Venturoni, rappresentata dagli avvocati Lino Nisii e Guglielmo Marconi, offre dell’interrogatorio di stamattina dinanzi al gip del tribunale di Pescara. «Sono stati meglio circostanziati – si legge nella nota dei due difensori di Venturoni – alcuni aspetti che le indagini avevano rappresentato in maniera del tutto inesatta. La funzione dell’interrogatorio di garanzia, peraltro, è anche quella di fare acquisire al giudice e al pubblico ministero notizie e considerazioni dell’indagato che possono contribuire all’accertamento della verità processuale». In particolare il riferimento della difesa dell’assessorea alla sanità è che nel corso dell’interrogatorio Venturoni ha chiarito che «non è stata mai realizzata una società di fatto a scopo di lucro con il coindagato Di Zio e che le molteplici condotte attribuite a Venturoni siano state determinate da passaggi di danaro o da favori prodromici all’assicurazione di utili imprenditoriali del privato ed a scapito dell’interesse pubblico». E a conferma di questo ci sarebbe cosa ha detto Di Zio che, nonostante si sia avvalso della facoltà di non rispondere, ha prcisato di non aver mai dato un solo centesimo a Venturoni. «Tale verità processuale ad avviso dei difensori è, allo stato, inconfutabile. Pertanto – conclude la nota di Nisii e Marconi -, attendiamo in tempi doverosamente rapidi la conclusione delle indagini e decisioni de libertate ispirate serenamente alle risultanze processuali». Venturoni al termine dell’interrogatorio con il gip, eludendo la folla di giornalisti in attesa fuori dell’aula e uscendo da una porta posteriore, aveva rilasciato alcune battute ai microfoni di SkyTg24, anche in merito alle ipotesidi dimissioni dall’incarico: "Valuteremo nei prossimi giorni" ha detto salendo in auto.

Leave a Comment